SMART HOME

Che cos’è Matter, lo standard per i dispositivi connessi, e i tempi di introduzione sul mercato

Sono state rilasciate le specifiche di Matter 1.0 per cominciare con le certificazioni dei prodotti: finalmente device di produttori diversi potranno dialogare fra di loro. Amazon ha annunciato i primi aggiornamenti già entro la fine del 2022

18 Nov 2022
Photo by Rahul Chakraborty on Unsplash

Adesso c’è uno standard per i dispositivi che usiamo per la smart home e che fino a oggi non dialogano fra di loro se di marche diverse: si chiama Matter ed è destinato a cambiare, e sviluppare, l’uso dell’Internet of Things nelle costruzioni sia residenziali sia di altra natura.

La Connectivity Standards Alliance, che ha sede in California a Davis, e i membri dell’Alleanza che includono aziende come Apple, Google, Amazon, Samsung e diversi produttori di dispositivi per la smart home, hanno annunciato, all’inizio di novembre 2022, il lancio ufficiale di Matter 1.0, con tanto di rilascio delle specifiche che permetteranno di avviare il programma di certificazione dei prodotti (questo è il sito della CSA: https://csa-iot.org/newsroom/matter-arrives/)

Chi fa parte del Consorzio Csa

Il Connectivity Standards Alliance Board of Directors è composto da rappresentanti delle più importanti aziende del settore a e compresente, fra le altre, AmazonAppleASSA ABLOYComcastGoogleHuaweiIKEAInfineon Technologies AGThe Kroger Co.Latch Systems, LEEDARSONLegrandLG Electronics, Lutron Electronics, Midea, Nordic SemiconductorNXP SemiconductorsOPPOResideoSamsung Electronics, Schneider ElectricSignifySilicon LabsSomfySTMicroelectronicsTexas InstrumentsTuya, e Wulian.

WHITEPAPER
Transizione 4.0 e PNRR: incentivi e agevolazioni, tutto quello che c'è da sapere
Logistica/Trasporti
Smart manufacturing

VIDEO – Ecco come funziona il protocollo Matter per l’IoT in casa

Matter Network Transport - Connectivity Standards Alliance
Matter: Making the smart home a more connected, comfortable, and helpful place.

Matter, un unico protocollo globale basato su IP

Matter si presenta infatti come “un unico e globale protocollo basato su IP che cambierà radicalmente l’IoT”, ha spiegato Tobin Richardson, Presidente e CEO della Connectivity Standards Alliance. “Questa release è il primo paso verso un cammino che la nostra comunità e l’industria di settore sta intraprendendo per rendere l’IoT più semplice, sicura e valida, indipendentemente da chi siamo e da dove viviamo. Con il supporto di aziende grandi e piccole, la release di Matter 1.0 è un traguardo più significativo per la nostra organizzazione e i nostri membri”.

Le opportunità di sviluppo e le applicazioni di Matter

Il protocollo Matter apre un nuovo campo d’azione per grandi aziende e startup innovative: la possibilità di creare applicazioni e servizi in grado di ottimizzare il comportamento globale dei dispositivi della casa non solo in base alle abitudini e al comfort dell’utente, ma anche del suo massimo risparmio in funzione delle condizioni interne ed esterne.
Tra le possibili applicazioni la gestione dell’acqua calda di accumulo e del risparmio energetico che può derivarne e di quanto sta facendo tado con i propri sistemi di controllo: grazie a Matter potrà interoperare con altri sensori, sistemi di controllo e pure termostati della concorrenza.

VIDEO – I protocolli per la smart home

Smart Home Protocols: Thread Explained!

I tempi della transizione di Amazon

La transizione verso Matter di Amazon sarà graduale. Il primo passo, come ha segnalato il sito macitynet.it, sarà quello di aggiornare diverse generazioni dei suoi altoparlanti e schermi smart entro il 2022. Mentre altri 30 tra prodotti Echo ed Eero saranno aggiornati all’inizio del prossimo anno.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Davide Banfo

Giornalista e viaggiatore curioso. Dopo aver iniziato alla Gazzetta del Popolo, ho lavorato con incarichi diversi in alcune redazioni e in diversi settori di Repubblica: Torino, Bari, Roma, Milano e poi di nuovo a Roma.

Seguimi su

Articolo 1 di 5