DIGITAL TRANSFORMATION

Round da 585mila euro per MyAEDES, startup proptech che digitalizza la reportistica dei cantieri edili

Fondata in Campania da tre ingegneri under 30, MyAEDES ha sviluppato un software e un’app che permette ai professionisti di tenere traccia di tutte le attività dei cantieri. “Un obbligo che non è sempre rispettato”, spiega il CEO Marco Apollonia. Al round ha partecipato CDP Venture Capital con il Fondo Rilancio Startup

10 Nov 2022
Giulio Santabarbara, da sinistra, Marco Apollonia e Chiara Maresca, founder di MyAEDES

Portare il digitale nei cantieri edili per garantire trasparenza e sicurezza. È l’obiettivo della startup proptech myAEDES, che ha sviluppato un software e un’app mobile per la gestione digitale della reportistica dei cantieri edili e ha concluso un aumento di capitale da 585 mila euro. All’investimento iniziale di LVenture Group e alcuni business angel si è unita CDP Venture Capital che ha partecipato con 350 mila euro, sottoscritti mediante il suo Fondo Rilancio Startup, lanciato nel novembre 2020.

Che cos’è MyAEDES e come funziona

myAEDES è uno strumento digitale che tutela gli ingegneri, gli architetti e i geometri che lavorano a regola d’arte in cantiere, consentendo loro di tenere traccia, con dovizia di particolari, della qualità del lavoro svolto. La piattaforma supporta i professionisti durante i sopralluoghi, permettendo loro di documentare in tempo reale lo stato di avanzamento dei lavori tramite note e foto certificate.

WHITEPAPER
Porta la cultura del dato a ogni livello aziendale

Per migliorare ancora l’esperienza di uso e il flusso di lavoro, rendendolo più semplice ed intuitivo, è stata sviluppata una nuova piattaforma informatica, “mobile-first”, pensata per l’utilizzo da smartphone e tablet direttamente in cantiere. Grazie a myAEDES, i professionisti possono gestire più cantieri da una stessa app ovunque si trovino: in ufficio, in loco e anche all’estero con evidenti vantaggi di tempo ed economici: con myAEDES terminano il lavoro ancora prima di lasciare il cantiere.

“Abbiamo riscontrato, che sebbene esistano specifici obblighi normativi, nonché obblighi morali, che impongono il tracciamento delle attività per assicurare la trasparenza e la sicurezza dei cantieri, purtroppo, tali obblighi vengono deliberatamente ignorati da un numero non trascurabile di operatori del settore”, afferma Marco Apollonia, CEO & Co-Founder di myAEDES. “myAEDES supporta il lavoro di tutti quei professionisti che ricercano la trasparenza e vogliono dimostrare l’alto standard del lavoro svolto. Tramite il gestionale si compila il giornale dei lavori e il verbale di sopralluogo con foto e note certificate tramite lo smartphone”.

Usando myAEDES i professionisti, che lavorano nel pieno rispetto delle leggi, si tutelano da possibili future contestazioni grazie all’archivio documentale custodito in cloud. Infatti, in caso di contenzioso, si può documentare il lavoro svolto tramite un dettagliato registro di foto, note e documenti a valore probatorio. Per il mondo dell’edilizia, si tratta di un passo avanti verso maggiori standard di trasparenza per accertare le responsabilità anche in caso di problemi futuri.

MyAEDES, una startup fondata da 3 ingegneri under 30

Nata in Campania dall’intuizione di tre ingegneri under 30, Chiara Maresca, Giulio Santabarbara e Marco Apollonia con esperienza nel settore, myAEDES è stata lanciata da LVenture Group con il suo Programma di Accelerazione LUISS EnLabs. Oggi il software è utilizzato da migliaia di professionisti in Italia ed Europa che producono mensilmente più di 5 mila verbali e hanno caricato sulla piattaforma oltre 100 mila foto e note certificate. Grazie al nuovo aumento di capitale myAEDES punta a rafforzare la base clienti in Italia, oggi in forte crescita, e ad incrementare la sua presenza internazionale. La startup opera già in Spagna, Germania e Francia, mercati di riferimento per la crescita a livello internazionale dell’azienda.

Una crescita che viene spinta anche dal mercato: sempre più imprenditori digitali e investitori in tutta Europa identificano l’edilizia come il settore più promettente per un rapido avanzamento tecnologico in un mercato che, solo a livello europeo, raggiunge l’imponente dimensione di 2 mila miliardi di euro. L’impatto che la trasformazione digitale sta avendo su di un settore che non vede una vera rivoluzione tecnologica dall’introduzione dei modelli CAD, (ormai più di 50 anni fa) fanno del PropTech una delle principali opportunità di investimento.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5