LA STARTUP

L’agenzia immobiliare digitale: perché Dove.it ottiene altri 3 milioni

Fondata nel 2018, Dove.it continua a crescere con percentuali a due cifre: quest’anno punta a 3 milioni di fatturato. Con il nuovo round saranno potenziati software e team. Entro un anno prevista l’apertura di agenzie ibirde

06 Set 2022
Paolo Facchetti, cofounder e CEO di Dove.it

La mediazione immobiliare si sposta sempre più online: una nuova conferma arriva dal round di 3 milioni chiuso da Dove.it, che si presenta come la prima agenzia immobiliare completamente online in Italia e con due caratteristiche distintive: zero commissioni per chi vende casa e tempi di vendita dimezzati rispetto alla media italiana. I dettagli del nuovo finanziamento, guidato da Azimut, si possono leggere su Startupbusiness. 

Fondata a fine 2018, Dove.it sta attraversando un periodo particolarmente positivo: ha chiuso il 2o21 con un fatturato cresciuto dell’80% rispettpo ai 780mila euro del 2020 e con un raddoppio delle vendite. L’obiettivo di ricavi per il 2022 è quindi ambizioso: 3 milioni di euro. “Quello che ci rende felici è la consapevolezza di star davvero cambiando il mondo dell’immobiliare in Italia”, dice Paolo Facchetti, CEO e founder di Dove.it  (viene dalla scuola di Rocket Internet) con Salvatore Vadacca, il CTO. . “Abbiamo cercato di mettere la tecnologia al centro di tutti i processi per una corretta e moderna gestione di immobili, clienti e valutazioni”

Realtà virtuale per visionare le case online e intelligenza artificiale sono le tecnologie che fanno funzionare Dove.it che si è fatta notare però per la sua formula commerciale fortemente innovativa per il mercato immobiliare: zero commissioni per il venditore, il 2,49% per l’acquirente e immobili certificati da un notaio prima della vendita.

Il finanziamento di tre milioni è il terzo per Dove.it che aveva raccolto da business angel e investitori privati 2 milioni l’anno dopo la fondazione, nel 2019. Sempre quest’anno in febbraio, aveva poi chiuso una campagna di equity crowdfunding di 1,57 milioni su Mamacrowd, piattaforma di crowdfunding creata da SiamoSoci che proprio dall’inizio del 2022 è controllata da Azimut, lead investor del round di inizio settembre.

A che cosa serviranno i nuovi capitali raccolti da Dove.it, che è già presente in circa 50 città italiane? Lo sviluppo dei software tutti sviluppati internamente (sono 25) è al primo posto. Quindi c’è il potenziamento del team attualmente composto da 100 persone: è già partita una campagna di assunzioni, sia di figure commerciali ma anche di top manager. La startup quindi intende rafforzare la leadership in vista di una nuova forte spinta anche sul fronte della formazione degli agenti immobiliari. In programma entro il prossimo anno c’è anche l’apertura di agenzie ibride, online ma con negozi fisici, secondo un modello già visto in altri settori.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5