FINTECH PER L'IMMOBILIARE

Fractional Ownership, come la tecnologia aiuta i giovani a comprare casa: il progetto Piece

Piece è una piattaforma che permette di comprare quote di un immobile affittato, ottenendo così una percentuale del ricavato. Tra le funzioni, un mercato secondario per la compravendita. Lancerà la versione beta entro l’anno: racconta il progetto il founder Kentaro Sohara, imprenditore giapponese trapiantato in Italia

Pubblicato il 07 Giu 2023

Tra inflazione e stagnazione dei redditi, comprare casa sta diventando sempre più difficile, specialmente per i giovani: in Italia oggi l’accessibilità delle case è ai livelli più bassi degli ultimi 30 anni.

“Oltre al crescente problema dei prezzi sempre più inaccessibili delle case, non è facile per i giovani accedere al mercato degli investimenti real estate” racconta Kentaro Sohara, founder del neonato progetto Piece. “A livello mondiale, il real estate è tutt’oggi l’asset più proficuo, con un valore di 280 bilioni di dollari, ma meno del 5% dei giovani vi ha accesso. Anche soluzioni alternative come il real estate crowdfunding sono fuori dalla portata di persone con ridotte capacità di investimento”.

Giapponese di nascita, poliedrico imprenditore seriale fin dai tempi della scuola superiore, arrivato in Italia seguendo la sua passione per la cucina, Kentaro ha visto nel nostro Paese il luogo ideale per la nascita di un progetto a cavallo tra proptech e fintech che potesse dare una risposta ad entrambi i problemi.

“Qui in Italia ho trovato un forte bisogno di una soluzione di questo tipo che garantisse più accessibilità e migliore trasparenza. Da questa idea nasce Piece.”

Come nasce il progetto Piece

“La mia storia di imprenditore comincia ai tempi della scuola superiore, con un progetto retail. Compravo vestiti firmati e li rivendevo online” racconta Kentaro. Accanto alla carriera in consulting e investimento in grandi compagnie quali McKinsey e Baine, sono diverse le esperienze che costellano la sua crescita personale e professionale. Trailhead, un incubatore lanciato durante gli anni universitari per mettere a frutto idee di business indirizzate alle giovani generazioni, Sendyou, un’avventura nell’edutech terminata in una exit di successo con l’acquisizione da parte del competitor Itokuro.

DIGITAL360 AWARDS
Candida il tuo progetto e diventa promotore della trasformazione digitale!
Open Innovation
Venture Capital

È mentre insegue la sua passione per il cibo – sia come sushi chef ed esperto di sake sia come advisor e investitore foodtech – che arriva l’occasione per venire in Italia: nel 2020 decide di partecipare a un programma in collaborazione tra l’Università di Scienze Gastronomiche di Bra e il Politecnico di Milano. L’intenzione di ideare un progetto foodtech non va in porto, in compenso nell’estate 2022, ripensando alla sua esperienza in private equity e confrontandosi con i problemi e gli interessi più a cuore agli italiani, nasce l’idea di creare un progetto di investimento real estate.

“Da un paio di anni stavo riflettendo sulle possibilità di strumenti come gli smart contract. Ho trovato interessante il concetto di fractional ownership e, guardando ai competitor, ho visto alcuni nomi negli USA e a Dubai, e ho pensato che potesse essere un trend interessante su cui scommettere per la prossima decina d’anni” spiega Kentaro.

Piece, la piattaforma per introdurre i giovani al mercato immobiliare

Ideata da Kentaro Sohara assieme ai colleghi Riccardo Momigliano e Lorenzo Dellarossa, Piece è una piattaforma di fractional ownership che permette di possedere una quota, o un “pezzo” come dice il nome stesso, di un immobile affittato, ottenendo così una percentuale del ricavato.

“Siamo ancora in fase di sviluppo” premette Kentaro, “Ma l’obiettivo è una piattaforma dove gli utenti potranno scegliere una proprietà in cui investire a partire da quote molto basse. Il nostro target come prezzo di partenza è di soli 20 euro. Quindi, anche solo uno studente o un giovane lavoratore con 100 euro da parte può cominciare ad affacciarsi a questo mercato.”

Come funziona Piece

“Tutte le proprietà sulla nostra piattaforma saranno già operative e provviste di inquilini che ne pagano l’affitto, con precisi ricavi mensili” continua Kentaro, “Possederne una quota significa ricevere ogni mese un dividendo dell’affitto, e una parte del capital gain se la proprietà dovesse essere venduta.”

Attraverso la piattaforma Piece, l’utente può visionare le proprietà disponibili e, in completa trasparenza, tutti i relativi dettagli di gestione: valore dell’affitto, commissione della piattaforma, spese, tasse, assicurazione. Così facendo, l’utente ha la possibilità non solo di investire, ma anche di capire cosa comporti la gestione di una proprietà in termini di operations, costi e ricavi.

Piece è inoltre pensato come una piattaforma con due anime: oltre all’investimento nelle proprietà, il progetto prevede anche il lancio di un mercato secondario per la compravendita delle quote.

Il lato educativo è un aspetto di Piece che al suo team sta particolarmente a cuore, sottolinea Kentaro.  “Attraverso questo prodotto, vogliamo dare alle persone le conoscenze necessarie per comprare e saper gestire, a un certo punto della loro vita, una proprietà loro. Vogliamo anche dare ai giovani la possibilità di avvicinarsi all’educazione finanziaria. In retrospettiva, unendo i punti della mia carriera imprenditoriale, aiutare i giovani attraverso il digitale è sempre stata una mia personale passione”.

Lo stato del progetto e le prospettive future

Ad oggi, Piece è in fase di raccolta dei fondi iniziali. “Abbiamo già attirato l’attenzione di alcuni ambassador interessati e investitori europei. Questi primi fondi i serviranno per acquistare le prime proprietà da offrire ai nostri utenti e al lancio demo della piattaforma” spiega Kentaro.

“Puntiamo a un lancio beta entro l’estate o l’autunno. Entro la fine dell’anno, vogliamo raccogliere il primo round equity per rafforzare il nostro team sul lato tech.”

Per ora il progetto è snello sul lato tecnologico. In futuro, anticipa Kentaro, potrebbe evolversi introducendo smart contracts e appoggiarsi alla tecnologia blockchain per garantire maggiore sicurezza.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5