L'INCONTRO

Semerano (Gestim): l’AI non sostituisce gli agenti, ma per le agenzie è una rivoluzione

Ci sarà sempre un agente ma dovrà cambiare, dice Angelo Semerano, CEO e founder di Gestim, software house acquisita da Idealista. Il posto delle agenzie sarà preso da aziende immobiliari, che avranno un backoffice di professionisti di diversa natura e molto hi-tech

Pubblicato il 20 Dic 2023

Angelo Semerano, CEO e founder di Gestim

“Le nuove tecnologie nel real estate hanno un effetto dirompente, sta a noi decidere se in modo positivo o negativo”. Angelo Semerano, CEO e founder di Gestim, uno dei principali player nel settore dei gestionali per le agenzie immobiliari, non ha paura ad usare il termine rivoluzione. “Come all’inizio dell’Ottocento in molti si spaventavano dell’introduzione delle macchine, oggi sono tanti quelli che temono l’Ai generativa, quasi che un algoritmo possa sostituire un professionista”.

Come il digitale può aiutare gli agenti immobiliari

Un approccio, quello di Semerano, che parte da una constatazione: “La tecnologia può sostituire l’uomo in alcuni mansioni e può affiancarlo rendendo il lavoro dell’agente ancora più stimolante”. Una visione, quindi, che non prevede il futuro delle compravendite immobiliari interamente digitalizzato con l’agente che resta ai margini.

WHITEPAPER
Semplifica e accelera il Customer Journey nel Retail con l’AI
Machine Learning
Marketing analytics

“La nostra esperienza più che ventennale ci dice invece che ci sarà sempre bisogno di un agente formato e con il giusto supporto digitale. Le nuove tecnologie e non parlo solo di Ai possono aiutarlo nella generazione di contenuti, nell’azione di marketing, nell’automazione della customer experience con analisi e reportistica aggiornata. All’agente resta invece il compito più interessante, che ancora oggi è quello di instaurare un rapporto di fiducia con il cliente, di aiutarlo nella scelta migliore”.

Agenzie immobiliari, le principali tendenze

Da alcuni anni nell’orbita di Idealista, il gruppo immobiliare nato in Spagna e cresciuto in Italia e Portogallo e che gestisce il portale omonimo e casa.it, Gestim ha sviluppato un software utilizzato da 2500 agenzie, con circa 8mila professionisti. Sede centrale a San Benedetto del Tronto, Gestim funziona con un sistema di abbonamento e diversi prezzi in base al numero delle utenze.

“Quello che vediamo dal nostro osservatorio privilegiato è una tendenza che si è già registrata con gli istituti di credito. Servono figure nuove come il family banker, ben presenti sul territorio e con  un portafoglio clienti consolidato, ma non per questo legati a qualche catena in franchising. Anzi in modo abbastanza netto vediamo che il settore del franchising, che oggi vale circa il 30 per cento del mercato, si sta lentamente asciugando. Molte piccole agenzie su strada vengono assorbite, mentre resta stabile ma abbastanza limitato il numero della agenzie collegate in network, spesso per superabili problemi di concorrenza. Ci sono poi esperienze innovative che arrivano quasi tutte dall’estero di agenzie totalmente dematerializzate come il network Iad o eXp Realty, una piattaforma di mediazione basata interamente sul cloud”.

La trasformazione delle agenzie in aziende immobiliari

Un’altra tendenza che Semerano vede per il futuro è quello della trasformazioni della classica agenzia in aziende immobiliari con un backoffice non solo popolato di segretarie, ma ricco di figure professionali high-tech come geometri e architetti attenti agli aspetti di sostenibilità e certificazione energetica, specialisti in home staging, cioè nell’elaborazione virtuale di come potrà essere trasformato e valorizzato un immobile.

“Al cliente – aggiunge Semerano- va offerto un servizio a 360 gradi che metta a disposizione collegamenti diretti con uno o più studi notarili e un corner per i mutui con valutazioni il più precise possibili”. Semerano aggiunge anche un valore per lui importante che è quello della trasparenza: “Le norme nel loro impianto generale sulla compravendita sono ormai vecchie di 90 anni. Il mondo sta andando in un’altra direzione e segue il modello anglosassone che si basa su figure distinte per chi vende o acquista. Il nostro gestionale prevede ad esempio un’area cliente in cui il proprietario, che affida un immobile in vendita o in affitto, può controllare in tempo reale quanti appuntamenti ci sono stati e come stanno procedendo le trattative”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Davide Banfo

Giornalista e viaggiatore curioso. Dopo aver iniziato alla Gazzetta del Popolo, ho lavorato con incarichi diversi in alcune redazioni e in diversi settori di Repubblica: Torino, Bari, Roma, Milano e poi di nuovo a Roma.

Seguimi su

Articolo 1 di 5