AGENZIE IMMOBILIARI

Manuel Pasqua, CEO iad Italia: così combiniamo digitale e network marketing

Fondata in Francia nel 2008 e diventata il primo unicorno proptech europeo nel 2021, iad opera in sei Paesi tra cui l’Italia, dove ha affiliato oltre 600 agenti immobiliari. “Restano indipendenti ma entrano in una rete molto competitiva che da una serie di vantaggi”, dice Manuel Pasqua, che spiega come funziona il modello

Pubblicato il 14 Giu 2023

Manuel Pasqua, CEO di iad Italia

Il primo comandamento di Manuel Pasqua, CEO di iad Italia, è quello di credere alla digitalizzazione delle agenzie immobiliari ma non alla disintermediazione. “Anche i nativi digitali – spiega con un sorriso nella sua postazione durante l’intervista video – hanno bisogno di confrontarsi con una persona, con un esperto che trasmetta competenze e fiducia”. A capo della filiale italiana di iad Italia dal suo lancio 5 anni fa, Pasqua è convinto che il modello del gruppo, nato nel 2008 in Francia, permetta un nuovo modo di vivere l’esperienza immobiliare,dove – sostiene- tutti possono vincere: compratori, venditori e agenti.

iad, il primo unicorno proptech in Europa

iad, spiega Pasqua, è stato il primo unicorno proptech in Europa grazie all’ingresso di Insight Partners, che nel 2021 ha versato un gettone da 300 milioni di euro portando la valutazione complessiva della società francese fondata nel 2008 ad oltre 1 miliardo e dando una fortissima accelerazione allo sviluppo del business. iad è presente in sei Paesi (Francia, Portogallo, Spagna, Italia, Germania, Messico e, a breve, in UK e USA) e punta ad espandersi e diventare un leader globale. L’internazionalizzazione del modello consente ad ogni consulente iad di sviluppare la propria attività senza alcuna frontiera.

WHITEPAPER
Come le Case di Comunità aumentano l’empowerment dei pazienti
Telecomunicazioni
Customer Experience

Alcuni punti di forza di questo particolare modello di network marketing applicato al settore immobiliare sono, sempre secondo Pasqua, la conoscenza del mercato locale dei nostri consulenti, la riduzione dei costi di struttura e il rapporto diretto con i clienti che garantiscono la massima trasparenza durante l’intero processo.  Il gruppo iad conta oggi oltre 18.000 agenti nel mondo mentre in Italia i collaboratori hanno già superato la soglia dei 600.

Come funziona il modello iad di network immobiliare

Ma come funziona il modello iad? Fondamentalmente ogni agente – spiega Pasqua – resta indipendente e con il proprio personal brand, ma si lega al gruppo con un contratto ed una fee mensile che assicura un piano di provvigioni crescente, fra le più elevate sul mercato. Il piano parte dal 69% del valore totale della provvigione incassata. A questa cifra si possono aggiungere dei bonus, arrivando fino all’87,8% per un fatturato di produzione personale eccedente i 70mila euro, Iva esclusa. Un altro aspetto del business proposto da iad è la possibilità di sviluppare la propria rete, una vera e propria impresa commerciale, grazie alla sponsorizzazione di altri agenti. Come sponsor, l’agente “mentore” deve supportare i suoi associati nella loro crescita, formando e affiancando la loro organizzazione e ricevendo di conseguenza un ricavo indiretto grazie ai loro successi e ai fatturati generati dalle loro transazioni.

Un’altra possibilità è quella della segnalazione. Se si viene a conoscenza di un immobile in vendita o della ricerca di un compratore, un segnalatore esterno può trasmettere il contatto ad un consulente iad. Se la transazione viene conclusa, il segnalatore riceve una percentuale della provvigione del consulente a cui era stato segnalato l’immobile. Il tutto viene gestito in trasparenza e con pochi click attraverso una app dedicata, ProperTips.

“Il nostro modello di marketing di rete”, spiega Pasqua, “si basa su 5 livelli, è molto competitivo e garantisce una serie di vantaggi. Il primo è quello del costo di affiliazione, che per nostra scelta resta basso ed accessibile a tutti. In cambio, il consulente riceve una serie di pacchetti software completi, tra cui quelli dedicati alla ricerca immobili, alla valutazione delle proprietà, agli strumenti per le firme digitali, ecc”. E poi, aggiunge Pasqua, c’è la forte visibilità sui principali portali, a cominciare da Immobiliare.it, Casa.it e Idealista grazie ad accordi siglati a livello nazionale, se non europeo, con una serie di boost e crediti offerti ai migliori performer su base meritocratica. “Un ulteriore servizio di grande valore aggiunto offerto da iad è quello che mette a disposizione un account manager Back Office dedicato. Attivo dal lunedì al venerdì, l’account manager si occupa di tutte le procedure amministrative, permettendo all’agente iad di focalizzare le proprie energie sulla risorsa più preziosa: il cliente”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Davide Banfo

Giornalista e viaggiatore curioso. Dopo aver iniziato alla Gazzetta del Popolo, ho lavorato con incarichi diversi in alcune redazioni e in diversi settori di Repubblica: Torino, Bari, Roma, Milano e poi di nuovo a Roma.

Seguimi su

Articolo 1 di 5